Pomodoro: boom di Cirio in Regno Unito

Nel 2015 la storica marca italiana di conserve ha registrato +20% di fatturato. Per celebrare i 160 anni è stato scelto Antonio Carluccio, celebrity chef, fondatore della omonima catena di ristoranti italiani, molto apprezzato dal pubblico inglese.

10.02.2016

Tra gli inglesi e la passata Cirio è ormai una vera e propria passione. La storica marca di pomodori italiani, di proprietà del consorzio cooperativo Conserve Italia e che proprio quest’anno compie 160 anni di vita, è sempre più consumata ed apprezzata nel Regno Unito. Passate, pelati e polpa, infatti, nella distribuzione moderna, confermando il boom dello scorso anno, hanno registrato a fine 2015 una crescita dell’8,2% (dati Iri, confronto dicembre 2015‐dicembre 2014).
“Il valore censito al consumo ‐ sottolineano i due Managing Directors della sede inglese di Conserve Italia, Cesare Concilio e Diego Pariotti – è superiore ai 13 milioni di Euro. E se lo scorso anno la quota di mercato di Cirio nella distribuzione inglese era pari al 5,7% (dati Iri), quest’anno ha toccato quota 9,2% con punte oltre il 10% su alcuni segmenti specifici come le passate. Insieme alla grande distribuzione – evidenziano ancora Concilio e Pariotti – portiamo avanti da anni la penetrazione nel comparto del foodservice e un lavoro capillare di distribuzione nel canale dettaglio o etnico, che portano ad un risultato complessivo aziendale che quest’anno è schizzato al +20%”.
Il pomodoro Cirio inoltre è ormai conosciuto e recensito anche da blogger e chef molto seguiti nel Regno Unito: è molto frequente vederlo in programmi TV nelle mani di Jamie Oliver, o Nigella Lawson, o Marry Perry, celebrity chefs ben noti anche in Italia. Di recente, in un’indagine indipendente apparsa sul sito del The Guardian, eseguita da Kerstin Rodgers in collaborazione con lo chef Joe Hurd e lo scrittore Dino Joannides, Cirio è risultato il prodotto più apprezzato tra quelli a distribuzione nazionale, superando anche la leader di mercato Napolina.
Il successo e la notorietà crescente acquisita da Cirio è riconducibile, oltre a politiche commerciali mirate, anche alle azioni di marketing avviate da cinque anni nel Regno Unito. Sandra Sangiuolo, Responsabile Marketing Export del gruppo conserviero, spiega: “Ha premiato la consistenza nel tempo delle attività e un marketing mix che ben combina mezzi off e on line: da campagne stampa sui maggiori magazine e newspaper (Times, The Guardian, Daily mail), a campagne web su siti ad alto traffico, associate ad accattivanti concorsi. Molto seguite sono state anche le attività sui social e operazioni di visibilità con note blogger locali”.
 
 
 

 

Vota

Condividi

Condividi