Liebig: l’estratto di carne e che ha cambiato la cucina

Da 170 anni un punto di riferimento per preparare ottimi risotti, zuppe e vellutate ma anche come condimento di pasta, carne e pesce.

08.09.2017

Ci sono alcuni prodotti alimentari che hanno cambiato la storia, non solo gastronomica. Uno di questi è l’estratto di carne, inventato dal barone Justus von Liebig nel 1847. Professore e ricercatore all’Università di Monaco nel campo della trasformazione e conservazione alimentare, con il suo estratto voleva consentire a tutti di avere sempre a portata di mano “l’essenziale” per preparare un buon pasto o da utilizzare come condimento. Oggi Liebig, di proprietà del Gruppo Colussi dal 1999, propone i suoi estratti e i classi dadi in un nuovo packaging.
 
L’estratto di carne o quello vegetale sono molto più utilizzati in cucina di quanto si pensi, a casa come al ristorante. Sono ottimi per preparare un buon risotto o il brodo in pochi minuti, ma anche per cucinare o condire una zuppa e poi carne, pesce, verdure e legumi. Pierluigi Battista, recensendo il bel libro di Stefania Aphel Barzini, Fornelli d’Italia (Mondadori) nel 2014 parla di Liebig come “benefattore dell’umanità”. L’estratto di carne o vegetale, infatti, è un grande alleato in cucina e può aiutarci ad organizzare velocemente il pranzo o la cena, dando gusto e sapore ad un piatto. Come ad esempio degli ottimi Ravioli di carne proposti nella video ricetta. 
 
Oltre all’estratto di carne Liebig propone l’estratto vegetale e i classici dadi: Delicato e Ricco, entrambi al gusto manzo e Vegetale al gusto di curcuma e noce moscata. L’Estratto di carne Liebig è un concentrato magro di sola carne bovina. Completamente naturale adatto all’alimentazione di chi cerca prodotti naturali. L’estratto vegetale, invece, è ottenuto da sole proteine vegetali di soia. Adatto all'alimentazione di sportivi, vegetariani, vegani e i celiaci. 
 
Per promuovere il suo prodotto Liebig ebbe l’idea di abbinare ad ogni confezione un omaggio: un’originale cromolitografia. La prima figurina artistica culturale diventa così un oggetto da collezione e lo sarà per oltre cento anni: alcuni pezzi hanno raggiunto persino quotazioni milionarie.
 

La ricetta suggerita dalla Liebig per preparare ottimo ravioli alla salvia

 

Vota

Condividi

Condividi