I sughi regionali secondo Eataly

La catena di Farinetti ripropone in un'unica linea 21 tra i sughi più famosi della tradizione italiana preparati seguendo le ricette delle tradizioni locali

11.07.2016

I sughi pronti sono sempre più apprezzati dagli italiani. Immancabili nella dispensa sono un’alternativa alla preparazione del sugo fresco. E se il ragù alla bolognese è tra i più diffusi e venduti assieme al sugo al basilico, cresce l’offerta di quelli regionali, da sempre uno dei souvenir più richiesti. A fianco delle marche più note negli ultimi anni si è sviluppato un mercato di prodotti artigianali, legati alle tipicità del territorio e alle filiere locali. Una tendenza che ha spinto Eataly a proporre una propria linea di “Sughi regionali” in cui si trovano vasetti come il classico “Pomodoro e basilico” per preparare il più tradizionale dei piatti della cucina italiana o il Ragù alla bolognese; il Pesto alla genovese o la crema di Fontina DOP; il sugo rosso di vongole e polpo tipico delle Marche o il sugo alla Gricia, per preparare la famosa ricetta romana.
 
Sono 21 i sughi proposti da quel genio di Farinetti, in vendita presso i negozi Eataly o sul sito, preparati seguendo le ricette delle tradizioni locali e firmati dall'esperienza e dalla creatività di cinque produttori che già collaborano con la catena : Alicos, Ursini, la Dispensa di Amerigo, La Granda, Italpesto.

“Grazie alla loro esperienza e alla loro cura per le materie prime” – affermano da Eataly – “abbiamo realizzato dei sughi d'eccellenza. Ogni sugo è dedicato a una regione d'Italia, per valorizzarne le sfumature gastronomiche. Il ventunesimo sugo, quello pomodoro e basilico, è dedicato all'Italia tutta”.

I vasetti hanno un costo che varia tra i 3,90 dei sughi più comuni ai 9,90 € di quelli più ricercati come il Pesto pistacchi e mandorle, della tradizione siciliana, o la Crema di Fontina. Con questa operazione Eataly continua il suo progetto di valorizzazione delle tipicità regionali e locali ma anche “la riscoperta del gusto e la genuinità della cucina casalinga, il calore e la sicurezza delle ricette preparate come una volta”.

 

Vota

Condividi

Condividi