150 anni di Farina lattea

Nel 2016 ricorre il 150° anniversario dell’invenzione della farina lattea che coincide con quella della Nestlé

01.03.2016

La storia di uno degli alimenti che ha rivoluzionato la storia dell’alimentazione e salvato le vite a milioni di bambini in tutto il mondo comincia nel 1866 nel piccolo paese di Vevey in Svizzera dove il farmacista Henri Nestlé viene a conoscenza del caso di un bambino che rischia di morire perché non può essere allattato al seno. Il giovane farmacista, propone di dare al neonato la Farine lactée, un preparato per lattanti che aveva messo a punto nel suo laboratorio intorno al 1860, che risulta essere l'unico prodotto che il bambino riesce a digerire consentendogli di fatto di sopravvivere. La Farina lattea, una miscela di latte in polvere, cereali e sali minerali, funziona ed inizia ad avere successo, tanto che Nestlé l’anno successivo, il 1867, fonda l’azienda che ancora oggi porta il suo nome, vendendo la farina lattea in scatole di latta, che ne garantivano la conservazione. Molto utilizzata ancora oggi, la farina lattea fu una vera e propria rivoluzione per quel periodo in cui era difficile reperire e conservare il latte fresco, che deperiva velocemente, soprattutto nelle grandi città. La mancanza di latte materno, peraltro, rappresentava una delle cause di morte più frequenti dei neonati.
 
Negli anni successivi, Henri Nestlé trasformerà la sua intuizione geniale in una fiorente attività che si fonderà nel 1905 con la società Anglo Swiss, che nel 1866 aveva inventato il latte condensato,  dando vita ad una tra le prime industrie alimentari del mondo. Oggi il consumo di prodotti Nestlé supera il miliardo di porzioni al giorno; il Gruppo opera infatti in più di 197 Paesi e conta circa 340.000 dipendenti. In Italia Nestlé è presente dal 1875, quando è stata depositata a Milano l’etichetta “Farina Lattea Nestlé, alimento completo per i bambini lattanti”, e oggi ha 13 stabilimenti produttivi lungo tutta la penisola occupando circa 5500 persone.
 

 

Vota

Condividi

Condividi